Sanità: facciamo interventi come la rimozione del tumore da 70kg, ma alla qualità non corrispondono valorizzazione e attrattività adeguate

Sanità: facciamo interventi come la rimozione del tumore da 70kg, ma alla qualità non corrispondono valorizzazione e attrattività adeguate

La Sanità piemontese dimostra spesso il suo valore, come nel caso dell’intervento che, alle Molinette, ha permesso di salvare una giovane donna rimuovendo un tumore di oltre 70 kg, ma non soltanto.

E’ ovvio che, se lo affermo, è perché sto per metterci un “ma”: in questo caso il “ma” è piuttosto grosso. E vale centinaia di milioni di euro. La Lombardia, infatti, incassa in un anno tra i 300 e i 500milioni di euro per pazienti che da altre regioni vanno a curarsi nelle sue strutture, mentre il Piemonte qualche (poche) decine, stando ai dati Agenas sulla mobilità sanitaria.

In Piemonte abbiamo tutte le migliori esperienze in campo sanitario, che ci possono consentire di diventare un modello per l’Italia. Lo siamo già per l’offerta di salute. Possiamo diventarlo anche in termini economici, perché ricerca sanitaria, scienza, alta tecnologia e istruzione generano un altissimo valore aggiunto per un territorio.

La sfida è la costruzione di un sistema che punti non solo alla qualità, ma anche all’attrattività del sistema sanitario piemontese, in modo da colmare questo gap enorme, più “promozionale” che tecnico, che ci separa dalla Lombardia, ma anche dall’Emilia Romagna, dalla Toscana, dal Veneto, dal Friuli e che ci pone al livello del Molise, con tutte le grandi differenze tra le due regioni, a cominciare dal numero di abitanti.

Guardate che non stiamo parlando solo di conti pubblici: parliamo di posti di lavoro, di denaro per la ricerca, di sviluppo del territorio. Comunque, avremo modo di tornare sull’argomento.