Coronavirus, servono misure shock. Bene le parole di Draghi sul FT

Fin dall’inizio dell’emergenza Forza Italia ha sostenuto la necessità di provvedimenti shock per sostenere l’economia del nostro Paese. Quando il Governo parlava di interventi per 3,5 miliardi, noi auspicavamo di utilizzare i 30 miliardi dell’avanzo primario registrato dalla nostra contabilità pubblica nel 2019. E fin da subito abbiamo considerato i 25 miliardi del decreto cosiddetto “Cura Italia” come un primo tassello, cui necessariamente ne dovranno seguire altri di entità ancora tutte da definire.

Per questo riteniamo che quanto dichiarato ieri da Mario Draghi sulle colonne del Financial Times sia pienamente condivisibile. E lo è principalmente per due motivi: il primo, perché l’aumento del debito pubblico, in uno scenario, quale è quello attuale, paragonabile ad una guerra, consentirebbe di evitare una distruzione permanente della capacità produttiva delle nostre imprese, cui necessariamente seguirebbe un crollo del PIL e l’insostenibilità dello stesso debito pubblico italiano. Al contrario, se le risorse derivanti dall’aumento in termini assoluti del debito pubblico dovessero essere indirizzate a politiche capaci di rilanciare la crescita economica, come gli investimenti nelle infrastrutture, un poderoso taglio delle tasse, il sostegno diretto ai nostri asset industriali, senza dimenticare le politiche di assistenza a chi ha davvero bisogno, ecco che il nostro PIL potrebbe essere difeso e con esso la nostra capacità di remunerare chi investe nei nostri titoli di stato. Tutto ciò, certamente, mettendo in campo un’efficace attività di vigilanza affinché tali risorse non vadano invece disperse nei mille rivoli della spesa pubblica improduttiva, un rischio che con l’attuale Governo corriamo seriamente.

Il secondo motivo è perché si pone l’accento sulla velocità di esecuzione come elemento essenziale per l’efficacia del ricorso all’indebitamento straordinario, eliminando ogni barriera burocratica all’erogazione di liquidità direttamente a chi crea valore e garantisce gli attuali livelli occupazionali: è un tema cruciale per tante imprese, specie piccole e piccolissime, che basano la propria sopravvivenza sul flusso di cassa e che rischiano di saltare se l’intervento dello Stato dovesse arrivare in ritardo: in casi come questi, il costo dell’esitazione può essere davvero irreversibile. 

Click day per il bonus ai lavoratori autonomi? Oltre al danno, la beffa

Un click day per i 600 euro destinati ai lavoratori autonomi e partite IVA? Al danno per una cifra che non porterebbe alcun beneficio a migliaia di imprese che in queste settimane hanno un fatturato praticamente azzerato, si sommerebbe la beffa di una procedura che necessariamente lascerebbe tanti aventi diritto senza alcun tipo di ristoro. Pertanto, mi auguro che quanto ha dichiarato il Presidente dell’INPS Tridico sia esclusivamente frutto della sua fantasia e dell’ansia di comunicare del suo staff e non trovi riscontro nella realtà. In ciò, mi conforta la netta presa di posizione del Sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta, il quale stamane ha escluso in maniera chiara una decisione del Governo in tal senso. Nella grande emergenza che il Paese sta vivendo quello che serve è un aiuto concreto, fatto di più liquidità per i lavoratori autonomi e per i professionisti, e non c’è alcun bisogno di una competizione virtuale che vedrebbe comunque sempre qualcuno escluso.

Stiamo parlando, in Piemonte, del 74% delle 89.100 imprese registrate alle Camere di Commercio, e cioè circa 57 mila esercizi commerciali. Un numero impressionante di attività che hanno dovuto abbassare la saracinesca per contribuire a fermare l’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus e che ora rischiano di subire un colpo pesantissimo nei loro bilanci annuali: a questi lavoratori autonomi servono l’adeguatezza e la tempestività delle decisioni da parte del Governo e la semplicità e l’accessibilità delle procedure da parte dell’INPS. Niente di più, niente di meno.

Per promuovere il lavoro agile nelle PPAA non basta il titolo, servono i finanziamenti

Promuovere il lavoro agile, favorire la diffusione dei servizi in rete e agevolare l’accesso agli stessi da parte di cittadini e imprese, autorizzando le pubbliche amministrazioni ad acquistare beni e servizi informatici senza gara pubblica, ma attraverso una scelta discrezionale. L’articolo 75 del decreto cosiddetto “Cura Italia” ha certamente una finalità condivisibile, quella cioè di estendere il più possibile il ricorso allo smart working presso gli enti pubblici. Peccato, però, che vi siano almeno un paio di limiti in questa previsione normativa.

Il primo, in prospettiva, è il rischio di aprire le nostre reti informatiche, specie quelle che trattano i dati più sensibili e che attengono alla nostra sicurezza nazionale, a fornitori non sicuri, in alcuni casi direttamente riconducibili a regimi stranieri, senza una procedura che garantisca la libera concorrenza.

Il secondo, più nell’immediato, è il fatto che tale disposizione non sia finanziata dallo Stato: si è lasciato, infatti, all’iniziativa delle amministrazioni pubbliche l’onere di procedere ad acquistare, ovviamente con risorse proprie, hardware e software necessari per consentire ai propri dipendenti di attivare progetti di lavoro a distanza. Con l’esito scontato di aver stabilito, ancora una volta, una norma-bandiera, che nella realtà non avrà effetti concreti, perché molte Amministrazioni locali, specie quelle dei Comuni più piccoli, non hanno nei loro bilanci le risorse necessarie ad adeguare le proprie strumentazioni informatiche. Si tratta, allora, di intervenire nella legge di conversione del decreto, e a tal fine presenterò una proposta di modifica che preveda un finanziamento agli enti locali.

Coronavirus, la bozza del decreto economico ha (poche) luci e (molte) ombre

Quello che è circolata ieri sera, e che stamattina abbiamo ritrovato sui quotidiani, è un decreto economico su cui il Governo ha ancora molto da lavorare. E’ vero, si tratta di una prima bozza. Ma, anche in questo caso, appare quantomeno curioso che, al momento, non siano indicate né le modalità né l’entità delle risorse che saranno indirizzate a finanziare le necessarie e urgenti misure a sostegno della liquidità di famiglie e imprese, specie quelle che più di tutte stanno subendo gli effetti negativi dell’attuale situazione di emergenza.

Se da un lato, infatti, il voucher baby sitter e il congedo parentale, seppur solo al 30%, così come il bonus caregiver e l’aumento degli organici del personale sanitario, sono certamente interventi importanti, dall’altro lato nel testo non vedo particolare attenzione ai lavoratori autonomi, alle partite IVA, ai professionisti, ai commercianti. A coloro, cioè, che tutte le mattine si mettono in gioco, e che oggi si trovano a vivere una crisi di liquidità senza precedenti e che mette a dura prova la loro stessa continuità aziendale. Per costoro, è certamente importante un sostegno attraverso il sistema bancario. Ma, più di tutto, servono interventi di ristoro economico significativi e diretti,

Pages: 1 2

Coronavirus, il Governo garantisca guanti e mascherine per tutti

Ai grandi sacrifici che gli italiani stanno affrontando a causa dell’emergenza coronavirus, deve corrispondere un impegno del Governo non solo ad indicare con più chiarezza quali siano le restrizioni e quali categorie lavorative coinvolgano, ma anche a fare in modo che strumenti indispensabili per fermare il diffondersi del virus, come guanti in lattice e mascherine, siano messi immediatamente a disposizione di coloro che si trovano in prima linea, a cominciare dagli operatori sanitari e di pubblica sicurezza, di chi svolge mansioni e professioni a contatto col pubblico e di chi utilizza i mezzi pubblici per raggiungere il proprio posto di lavoro.

Mi auguro che il neo Commissario delegato a gestire l’emergenza Domenico Arcuri voglia fare in modo che i dispositivi di sicurezza necessari per difendersi dal coronavirus siano immediatamente disponibili per tutti gli italiani, attraverso un acquisto massiccio all’estero e, contestualmente, avviandone la produzione nel nostro Paese. Per noi di Forza Italia si tratta di una misura necessaria e urgente, e in tal senso vigileremo affinché la struttura commissariale, dotata di “ampi poteri di deroga” come ha sottolineato ieri sera il premier Conte, lavori da subito in questa direzione.

Coronavirus, per l’emergenza economica mettiamo in campo tutto ciò che serve

Noi di Forza Italia, insieme ai partiti del centrodestra, già nei giorni scorsi avevamo indicato l’ammontare delle risorse necessarie per una prima risposta concreta alle emergenze, in primis sanitaria ma anche economica, causate dal diffondersi del coronavirus.
La scelta del Governo di prevedere nel provvedimento oggi in Aula alla Camera uno stanziamento pari a 25 miliardi, una cifra che peraltro si discosta di molto rispetto alle sue previsioni iniziali, ci avvicina alla cifra di 30 miliardi che avevamo indicato al premier Conte e al Ministro Gualtieri, il valore cioè dell’avanzo primario conseguito dal nostro Paese nel 2019, pari all’1,7% della ricchezza prodotta dagli italiani.
E’ fondamentale e prioritario, infatti, mettere in campo risorse economiche adeguate alla tenuta del sistema sanitario italiano, messo a dura prova in tutte le sue componenti, e al sostegno del nostro tessuto industriale, delle nostre piccole e medie imprese, dei commercianti, degli artigiani, dei liberi professionisti.
È chiaro che si tratta di un intervento iniziale, perché purtroppo in questa fase non possiamo prevedere con certezza quali saranno gli esiti dell’emergenza in corso. Tuttavia dobbiamo fin d’ora prepararci a mettere in campo tutto ciò che serve, perché di fronte ad una situazione eccezionale nella sua negatività si deve rispondere con armi non convenzionali, e l’Italia deve essere in grado di farlo adeguatamente.

Emergenza economica, al Governo chiediamo interventi per i lavoratori autonomi, professionisti e partite IVA

L’emergenza Coronavirus sta danneggiando profondamente l’intero tessuto economico del nostro Paese e il Governo ha il dovere di identificare tutte le misure necessarie per tutelare tutti i lavoratori, a cominciare di chi è più esposto come gli autonomi e le partite IVA. Per questo ritengo necessaria la sospensione di tutti i versamenti e adempimenti tributari, contributivi e assistenziali, compresi quelli relativi ai tributi locali, prevedendo da subito l’annullamento di sanzioni e interessi.

In più, per tentare di contenere un’emergenza economica di tale portata si devono sospendere per tutti i contribuenti i pagamenti delle cartelle emesse dagli agenti di riscossione, compresi quelli collegati alle definizioni agevolate, nonché la riscossione coattiva, prevedendo un’ulteriore dilazione della rateazione dei pagamenti delle somme dovute all’erario a seguito di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, è fondamentale che il Governo si impegni a salvare le imprese dalla drammatica crisi di liquidità che stanno vivendo adesso e dalle difficoltà cui inevitabilmente dovranno far fronte quando potranno tornare ad operare a pieno regime, perché senza impresa non c’è lavoro.

Pertanto, bene la proposta dell’Ordine dei Commercialisti di ridurre del 50% la base imponibile dell’IMU per tutti i fabbricati utilizzati dalle imprese che svolgono attività che abbiano subito limitazioni a seguito dei provvedimenti dell’autorità pubblica per l’emergenza sanitaria, cui però vanno affiancati altri interventi che noi di Forza Italia chiediamo da tempo, come l’eliminazione di plastic e sugar tax, un intervento di modifica alla disciplina degli indici sintetici di affidabilità e la previsione di una modalità agile e semplice per gli adempimenti relativi agli interventi di ristoro economico per gli operatori e per i lavoratori che verranno messi in campo dalle Istituzioni.

Coronavirus, per l’emergenza economica usiamo l’avanzo primario del 2019

Per far fronte all’emergenza nell’economia reale del nostro Paese a seguito dell’emergenza sanitaria da coronavirus è evidente che i 7,5 miliardi di “flessibilità” da richiedere all’UE di cui parla il Governo italiano si configurano come un vero e proprio pannicello caldo.

Si tratta, invece, di mettere in campo risorse economiche in grado di sostenere il nostro tessuto industriale, le nostre piccole e medie imprese, i commercianti e gli artigiani, i liberi professionisti e i lavoratori dipendenti che rischiano di pagare il conto di una situazione imprevedibile quanto eccezionale.

Pochi giorni fa, l’ISTAT ha diffuso i dati relativi al PIL e all’indebitamento delle Amministrazioni Pubbliche nel triennio 2016-2019, in cui è emerso come il saldo primario (ovvero la differenza tra entrate e spese delle amministrazioni pubbliche, escluse le spese per interessi) per l’anno 2019 sia positivo e pari a 31.004 milioni di euro, con un’incidenza sul Pil dell’1,7% (+1,5% nel 2018). Allo stesso tempo, il saldo di parte corrente (ovvero la differenza tra entrate correnti e uscite correnti delle AP) è risultato positivo e pari a 27.880 milioni di euro (16.071 milioni nel 2018). Tale miglioramento è il risultato di un aumento delle entrate correnti di circa 23,1 miliardi di euro, a fronte di un incremento delle uscite correnti di circa 11,3 miliardi.

Sono i dati migliori dal 2013 ad oggi.

Quei saldi positivi, ottenuti grazie allo sforzo dei contribuenti italiani (gravati, come sono, da una pressione tributaria oltre la media UE), potrebbero essere utilizzati subito e in via straordinaria per fronteggiare la crisi di liquidità che sta colpendo il nostro sistema economico nazionale.

Un grande paese come l’Italia, in cui il PIL dell’anno scorso ha raggiunto circa 1790 miliardi, deve poter utilizzare circa 30 miliardi di risorse dei nostri contribuenti per uscire da una crisi senza precedenti, con buona pace dell’Unione Europea.

Coronavirus, prorogare le scadenze degli adempimenti fiscali

Sospendere i termini e prorogare le scadenze fiscali e le sanzioni amministrative, nelle aree soggette alle misure speciali varate dal governo, fino al termine dell’emergenza coronavirus, che in queste giorni sta mettendo a dura prova le regioni italiane, a cominciare da Lombardia, Veneto, Friuli e Piemonte.
È quanto ci aspettiamo sia messo in campo da subito dall’attuale Governo per agevolare in questa fase critica i cittadini e le imprese del nostro Paese, che è quello – lo ricordo – con il maggiore numero di casi di contagio accertati nell’intera Unione Europea. Ed è ciò che, come partito, come gruppo parlamentare e come dipartimento Bilancio e Finanze di Forza Italia Piemonte abbiamo immediatamente proposto.

Emodinamica a Chivasso, per il nostro territorio una buona notizia

Per il nostro territorio, una buona notizia. Che merita un paio di considerazioni.

La prima, di merito, riguarda l’iter per arrivare fino ad oggi, con la riattivazione di un servizio atteso da troppo tempo e cui la Giunta guidata dal Presidente di Forza Italia Alberto Cirio, come promesso in campagna elettorale, ha dato attuazione in pochi mesi. Un atto di governo su cui si è registrata una compattezza determinata e determinante da parte dei rappresentanti delle Istituzioni sul nostro territorio, senza distinzione. Un bel passo in avanti rispetto, invece, all’epoca in cui l’Amministrazione comunale di Chivasso di centrodestra veniva accusata dalle allora minoranze di voler far attivare un macchinario per l’emodinamica, peraltro parcheggiato in ospedale da anni ma mai utilizzato, per finalità elettorali: accuse che ebbero addirittura strascichi giudiziari, poi finiti, giustamente, nel nulla. Questa volta si è stabilito un principio sacrosanto: fare squadra per il proprio territorio non solo è giusto, ma consente di ottenere risultati.

La seconda considerazione, infine, è di metodo. Chi ha organizzato la cerimonia odierna ha stabilito un secondo principio sacrosanto: le iniziative pubbliche sono riservate ai rappresentanti pro-tempore nelle Istituzioni che hanno competenze e responsabilità dirette nelle scelte effettuate. In questo caso, dunque, è stata azzeccata la scelta di non coinvolgere i Parlamentari eletti in questo territorio e attualmente in carica, perché – come si sa – l’organizzazione del servizio sanitario è di competenza dell’Amministrazione regionale tramite le Aziende Sanitarie Locali, sulla base degli indirizzi della Conferenza dei Sindaci. Personalmente, poi, anche da Amministratore comunale di questa zona, più che alle cerimonie, per natura sono molto più interessato alla cosiddetta execution e cioè agli indicatori di performance relativi al servizio reso alla popolazione: su questi aspetti, concentrerò la mia attenzione da oggi in avanti.